Palazzo Piccolomini-  link al sito
italiano english Aggiornato ad Ottobre 2017
>> Dormire
>> Last minute 28 off.te
- Bed & Breakfast
- Case vacanza
- Agriturismo
- Hotel
- Meublè - Camere

>> Gustare
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine

>> Palazzi e musei
- Palazzo Piccolomini

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Bluetangos
- Crete di Siena in Moto

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service
  Il Girasole

- DG autonoleggio

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

>> Acquisti
- Artigianato
- Prodotti Tipici
- Servizi
- Aziende Agricole

>> Benessere
- Terme di Toscana

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Crociani
- Contucci
- Il Greppo
- Piazza Grande Wines
- Palazzo Vecchio

>> Territorio
- Eventi
Home » News » Ospitalit? rurale in fiera ad Arezzo

L’agriturismo italiano ha chiuso il suo primo salone con un grande successo, ed ha aperto nuovi mercati al turismo internazionale. Il nord Europa, in particolare la Danimarca, ma anche altri Paesi hanno apprezzato la varietà delle proposte e delle offerte agrituristiche e sono stati molti gli affari conclusi per le vacanze in campagna nel 2003. Nei tre giorni di AgrieTour di Arezzo sono passati (nei 7.300 mq dell’area espositiva) oltre 3500 operatori e nel fine settimana di apertura al pubblico 5000 persone hanno visitato i padiglioni del Centro Promozioni e servizi. Oltre cento i giornalisti che hanno seguito la manifestazione.
Ma il risultato principale è stato quello di aver fatto incontrare per la prima volta tour operator da tutto il mondo con l’offerta agrituristica nazionale. Nei workshop oltre 300 agriturismi hanno presentato le diverse caratteristiche dell’ospitalità a 50 tour operator provenienti da 12 paesi diversi.
"Un risultato molto positivo - commenta Carlo Hausmann, segretario generale di Anagritur - che conferma la validità di un’offerta turistica, quella rurale, cui il mercato internazionale ogni anno sempre di più si rivolge. E dimostra come ci siano ancora nuovi settori nel mercato del turismo da sviluppare con buoni margini di crescita". "E’ stata apprezzata, in particolare, la possibilità di far incontrare direttamente la domanda con l’offerta, come confermano i risultati dei workshop".
Ma AgrieTour è stato soprattutto il primo evento interamente dedicato a un settore versatile, alla continua ricerca di nuovi temi e segmenti di mercato. 12 gli appuntamenti convegnistici, dove si è parlato di molti temi, alcuni inediti al grande pubblico. Come quello del rapporto tra agriturismi e itinerari della fede, con la presenza della Conferenza Episcopale Italiana che ha presentato nuove proposte di turismo rurale e spirituale. O come l’indagine realizzata tra le persone disabili che tra le mete preferite hanno indicato proprio le strutture ricettive. Infine la presentazione del progetto "Le case del panda", con un accordo tra WWF, Federparchi e le associazioni agrituristiche nazionali per organizzare una fruizione dei parchi a partire dall’accoglienza dall’agriturismo, o con la rivista Plein Air per la promozione del turismo all’aria aperta che ogni anno muove almeno mezzo milione di italiani in tenda, caravan e camper.
"E’ una grande soddisfazione aver dato il via da Arezzo ad una rassegna che già alla prima edizione ha raggiunto alti livelli - commenta il presidente del Centro Promozioni e servizi, Alberto Ricci -. La nostra struttura, in piena collaborazione con le istituzioni, le organizzazioni agricole ha individuato una ribalta di cui il settore aveva necessità. L’appuntamento, adesso, è con AgrieTour nel 2003".
DALL'ARCHIVIO
di Infotuscany.com

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 InfoTuscany.com