Palazzo Piccolomini-  link al sito
italiano english Aggiornato ad Ottobre 2017
>> Dormire
>> Last minute 28 off.te
- Bed & Breakfast
- Case vacanza
- Agriturismo
- Hotel
- Meublè - Camere

>> Gustare
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine

>> Palazzi e musei
- Palazzo Piccolomini

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Bluetangos
- Crete di Siena in Moto

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service
  Il Girasole

- DG autonoleggio

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

>> Acquisti
- Artigianato
- Prodotti Tipici
- Servizi
- Aziende Agricole

>> Benessere
- Terme di Toscana

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Crociani
- Contucci
- Il Greppo
- Piazza Grande Wines
- Palazzo Vecchio

>> Territorio
- Eventi
Home » News » Nuove frontiere del dialogo a Radicofani

Piero Fassino (Segretario Nazionale DS), Enrico Ferri (Europarlamentare), Adolfo Urso (Viceministro alle Attività Produttive) saranno a Radicofani domani (mercoledì 26 novembre) al Teatro comunale, in occasione del convegno dal titolo: “Un Nuovo Continente: l’Europa allargata ad Est. Aspetti culturali, territoriali, politici e socio- economici” - nel quale verranno trattati temi legati all’economia, all’integrazione sociale, alle politiche del territorio e al patrimonio culturale -. Le conferme sono giunte ufficialmente dalle rispettive segreterie.

Tutti gli uomini politici confermati saranno presenti nella sessione pomeridiana del convegno. Piero Fassino – che aveva confermato la presenza al mattino – ha dovuto far cancellare un suo intervento, previsto anche nella sessione della tarda mattinata, per poter partecipare ad una importante discussione in Parlamento sulla questione finanziaria. Adolfo Urso sarà, quindi presente anche lui nel pomeriggio, in un confronto tutto politico su queste tematiche, insieme anche all’europarlamentare, Enrico Ferri e a tutte le altre personalità politiche intervenute. Slitta al pomeriggio anche l’intervento di Fabio Ceccherini.

Programma convegno

I lavori inizieranno al mattino (ore 9) con la prima relazione prevista di Marcello Flores d’Arcais (Docente di Storia Contemporanea e Storia comparata - Università di Siena – Facoltà di Lettere), dal titolo “Problemi di identità nell’allargamento a Est dell’Europa. A seguire Agnieszka Turek (Primo Segretario Ufficio Economico-Commerciale dell'Ambasciata di Polonia), con il tema: “Opportunità economiche di crescita e di sviluppo per le imprese, le amministrazioni e le realtà locali legate al processo di allargamento”; sarà la volta poi dell’economista, esperto delle politiche economiche dei Paesi emergenti e dell’Est Europa, Luciano Fiordoni, che parlerà di “Possibilità e sviluppi delle relazioni economiche e finanziarie con l’allargamento dell’Europa a Est”. Nella mattina è previsto anche una testimonianza concreta con Edgardo Zilioli (direttore marketing della Nykstar centro Est Europa), che illustrerà gli “Sviluppi industriali del settore tessile italiano con l’Est Europa”. A seguire Andrea Bigozzi (direttore dell’Eurobic Toscana Sud), che parlerà di “Prospettive economiche e territoriali locali di fronte all’allargamento dell’Europa” e il professor Stefano Soriani (Docente di Geografia economico-politica, Dipartimento di Scienze Ambientali, Università di Ca’ Foscari Venezia) con “Il ruolo delle città e delle regioni nella “Nuova Europa”.

La sessione pomeridiana prevede la conclusione dei lavori tecnici con le due relazioni Guido Franzinetti (Docente di Storia dell’Europa Contemporanea, Facoltà di Scienze Politiche, Università del Piemonte Orientale, Alessandria) dal titolo: “La Grande Trasformazione dell’Europa Orientale, 1989-2005: il quadro sociale” e di Carlo Boffito (Docente di Economia della Transizione e Economia politica, Facoltà di Scienze Politiche, Università degli Studi di Torino) dal titolo “Allargamento e rapporti tra l'Ue e i paesi confinanti”.

A seguire una serie di comunicazioni: “Dalle politiche locali a quelle nazionali nell’allargamento dell’Europa ad Est” e “Attività di ricerca sociale, politica ed economica verso i Paesi dell’Est”, a cui interverranno varie personalità politiche (Piero Fassino, Adolfo Urso, Enrico Ferri, Fabio Ceccherini) e “Il ruolo degli Enti Locali per una politica europea della Pace”, a cui interverranno: Massimo Toschi (Componente del Comitato di consulenza per la promozione della cultura di pace, la cooperazione e i diritti umani, Regione Toscana), Donatella Ciampoli (Consigliera delegata alla Pace, Provincia di Siena). La presidenza dei lavori è stata affidata a Lorenzo Avanzati (Presidente Comunità Montana dell’Amiata Senese) e Laura Fontani (Direttore Azienda Promozione Turismo Amiata). Sono previsti interventi dei Paesi rappresentanti in Italia dei Paesi candidati all’ingresso nell’Unione Europea nel 2004. Apriranno i lavori Mauro Mariotti (Presidente Val d’Orcia s.r.l.), Andrea Bonsignori (Sindaco Comune di Radicofani) e Marco Giommoni (Presidente Logo Comunicazione s.r.l. di Venezia), che ha curato l’organizzazione dell’evento.

Dibattito pubblico

A seguire, dopo il convegno (ore 18), si terrà, sempre in Teatro Comunale un dibattito pubblico al quale interverranno le personalità politiche ed i relatori intervenuti al convegno; moderatore del dibattito: Gianni Resti (Assessore alle Culture della Provincia di Siena). Il convegno è stato organizzato dal Comune di Radicofani (Siena) e Logocomunicazione s.r.l. in collaborazione con: Comunità Montana dell’Amiata Senese, Parco Artistico, Naturale e Culturale della Val d’Orcia, Monte dei Paschi di Siena, Fondazione del Monte dei Paschi di Siena, APT Amiata, Stosa S.p.A. e con il Patrocino della Regione Toscana e della Provincia di Siena. Si ringrazia: Banda “Giuseppe Verdi” di Radicofani, Centro Anziani di Radicofani, Comune di Abbadia San Salvatore, Cooperativa Forte Coop di Radicofani, Frates, Pro-Loco di Radicofani, Misericordia di Radicofani, Operatori economici di Radicofani, Teleidea.

Dichiarazione sindaco

«Il nostro progetto di sviluppo – afferma il sindaco Andrea Bonsignori - incentrato sulle risorse storiche e ambientali, dentro alla logica del Parco Artistico, Naturale e Culturale della Val d'Orcia, guidati da un coordinamento di alta qualità rappresentato dalle politiche della Provincia di Siena, in un quadro strategico di grande civiltà costruito dalla Toscana, può rappresentare un modello riproponibile in altre realtà della nuova Europa. Certamente pronti a catturare tutte le proposte e critiche volte a migliorare la qualità della nostra vita. Frontiere del dialogo ci permetterà di dialogare anche sulle prospettive economiche in modo da dare al sistema produttivo locale la possibilità di prepararsi meglio a vivere la nuova Europa. Tutto ciò con competenze, a nostro avviso, di grande rilievo che si confronteranno nei tre giorni del convegno e che incontreranno anche il pubblico».


DALL'ARCHIVIO
di Infotuscany.com

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 InfoTuscany.com