Palazzo Piccolomini-  link al sito
italiano english Aggiornato a Dicembre 2017
>> Dormire
>> Last minute 16 off.te
- Bed & Breakfast
- Case vacanza
- Agriturismo
- Hotel
- Meublè - Camere

>> Gustare
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine

>> Palazzi e musei
- Palazzo Piccolomini

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Bluetangos
- Crete di Siena in Moto

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service
  Il Girasole

- DG autonoleggio

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

>> Acquisti
- Artigianato
- Prodotti Tipici
- Servizi
- Aziende Agricole

>> Benessere
- Terme di Toscana

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Crociani
- Contucci
- Il Greppo
- Piazza Grande Wines
- Palazzo Vecchio

>> Territorio
- Eventi
Home » News » L?Enoteca Italiana a Sidney e Melbourne

“In Australia c’è spazio per i nostri vini” Successo dell’iniziativa. La ristorazione si rivela il canale distributivo più interessante

Si è conclusa con successo la missione in Australia di Ente Vini - Enoteca Italiana, che nell’ambito di un’iniziativa dell’Istituto Commercio Estero (Ice), dal 29 novembre al 9 dicembre, ha tenuto nella capitale Sidney e nella città di Melbourne, sei seminari di formazione rivolti ad operatori del nuovo continente: quattro sui vini di qualità italiani e due sul Sangiovese.

“Abbiamo avuto un buon risultato di presenze, di stampa e di attenzione da parte degli operatori - spiega il presidente Flavio Tattarini, che nella spedizione in Australia era accompagnato da Alessandro Mugnaioli, responsabile Ufficio Estero e dal sommelier Cesare Montomoli -: si è evidenziato che il mercato australiano può consentire una buona presenza di vini italiani. In particolare la ristorazione, moderna ed avanzata, può essere un buon canale distributivo dei nostri vini, che sono sicuramente competitivi con i vini del loro territorio. E’ un mondo in cui il consumo non è elevatissimo - ha poi aggiunto Tattarini, che nei seminari a Sidney e Melbourne è stato affiancato anche dal dott. Matteo Picariello (Ice Australia) e dalla dott.ssa Maria Gilli, inviata Ice da Roma -: occorrerebbe un lavoro più mirato per far crescere la cultura del vino ed occorrerebbe dare continuità alla nostra presenza. E’ possibile - ha concluso il presidente di Enoteca Italiana - che l’esperienza si possa ripetere assieme all’Ice oppure come Enoteca Italiana assieme ai consorzi e agli operatori”.


DALL'ARCHIVIO
di Infotuscany.com

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 InfoTuscany.com