Palazzo Piccolomini-  link al sito
italiano english Aggiornato ad Ottobre 2017
>> Dormire
>> Last minute 28 off.te
- Bed & Breakfast
- Case vacanza
- Agriturismo
- Hotel
- Meublè - Camere

>> Gustare
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine

>> Palazzi e musei
- Palazzo Piccolomini

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Bluetangos
- Crete di Siena in Moto

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service
  Il Girasole

- DG autonoleggio

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

>> Acquisti
- Artigianato
- Prodotti Tipici
- Servizi
- Aziende Agricole

>> Benessere
- Terme di Toscana

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Crociani
- Contucci
- Il Greppo
- Piazza Grande Wines
- Palazzo Vecchio

>> Territorio
- Eventi
Home » News » Jorio Vivarelli un ponte fra Firenze e le americhe

Jorio Vivarelli un ponte fra Firenze e le americhe Quaranta opere del maestro Jorio Vivarelli artista pistoiese le cui celebri sculture campeggiano, dagli anni Cinquanta ad oggi, in alcune delle maggiori città d’Europa, del Giappone e degli Stati Uniti, costituiranno oggetto della grande esposizione, promossa dall’Accademia delle Arti del Disegni di Firenze in collaborazione con la Fondazione Pistoiese intitolata al maestro.

Il tema della mostra, che ospitata dal 7 al 28 febbraio 2004 nella sala delle esposizioni dell’Accademia delle Arti in piazza San Marco già nel titolo “Jorio Vivarelli, un ponte fra Firenze e le Americhe” intende mettere a fuoco il rapporto che lo scultore – pistoiese di nascita, ma fiorentino quanto a formazione ed a esperienza artistica – ha posto in essere dagli anni Cinquanta sia con la scultura artistica ispano –americana, sia con gli Stati Uniti.

Sotto il primo aspetto la mostra rievoca l’esordio della corrente “Intrarealista” avvenuta nel 1967 a Palazzo Strozzi con l’adesione, accanto a Vivarelli, di nomi destinati a influenzare vari campi dell’arte contemporanea da Federico Fellini a Vallmitjana, al premio Nobel Angel Austurias, Aguileira, Goytisolo, Mellini, Staccioli e altri ancora.

Quanto ai rapporti con gli Stati Uniti, che Vivarelli sviluppò in quegli anni assieme al celebre architetto Oskar Storonov, amico di Wright e Le Corbusier la mostra presenterà sculture in bronzo, in terracotta e in pietra e i bozzetti delle fontane realizzate dal maestro pistoiese per le metropoli americane compresa “Riti di Primavera” che, ispirata alle musiche di Strawinskj, nel 1964 vinse per piazza Kennedy il premio Città di Philadelfia. La mostra è stata realizzata anche grazie al contributo dell’Agenzia per il Turismo di Firenze, della Nuova Tirrena Assicurazioni e della Magigas di Pistoia.

Il catalogo della mostra, edito da Polistampa, presenta testi di Veronica Ferretti, Roberto Giovannelli e dei presidenti Gualberto del Roso della Fondazione Vivarelli e Francesco Adorno dell’Accademia delle Arti del Disegno.


Informazioni: Orario mostra:dal martedì al sabato 10-13/16-19 Domenica 10-13 Chiuso il lunedì INGRESSO LIBERO

Il catalogo della mostra potrà essere acquistato durante il periodo dell’esposizione oppure richiesto direttamente alla fondazione. Costo € 14.oo

Accademia delle Arti del Disegno: Sala Esposizioni – Tel. 055.216261 Segreteria – Tel. 055.219642 - e.mail: accademia@fol.it

Fondazione Pistoiese Jorio Vivarelli: Tel./Fax - 0573.477423

e-mail: veronicaferretti@supereva.it ; v.ferretti@fondazionevivarelli.it

Sito: www.fondazionevivarelli.it


DALL'ARCHIVIO
di Infotuscany.com

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 InfoTuscany.com