Palazzo Piccolomini-  link al sito
italiano english Aggiornato a Dicembre 2017
>> Dormire
>> Last minute 16 off.te
- Bed & Breakfast
- Case vacanza
- Agriturismo
- Hotel
- Meublè - Camere

>> Gustare
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine

>> Palazzi e musei
- Palazzo Piccolomini

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Bluetangos
- Crete di Siena in Moto

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service
  Il Girasole

- DG autonoleggio

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

>> Acquisti
- Artigianato
- Prodotti Tipici
- Servizi
- Aziende Agricole

>> Benessere
- Terme di Toscana

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Crociani
- Contucci
- Il Greppo
- Piazza Grande Wines
- Palazzo Vecchio

>> Territorio
- Eventi
Home » News » Per Bacco, Ragazzi!

Le splendide sale dell’Hotel St. Regis Grand di Roma hanno ospitato questa mattina la presentazione dell’edizione 2004 di “Per Bacco, Ragazzi!” la campagna nazionale di sensibilizzazione al bere corretto e moderato di Enoteca Italiana, Mipaf, Regioni, Università di Siena e Agivi.

La prima tappa in programma è in Sardegna il 13 maggio all’Università di Cagliari con un convegno, degustazioni libere e guidate, e il concerto conclusivo di Edoardo Bennato, testimonial della manifestazione, che suonerà anche in autunno in altri tre atenei di Umbria, Friuli Venezia Giulia e Sicilia. Parte subito anche il II Campionato Degustatori Non Professionisti, le “Viniadi”: la prima eliminatoria sarà il 22 di maggio a Pramaggiore (Venezia). Le iscrizioni, aperte fino al 30 aprile, si raccolgono sul sito www.vinoegiovani.it (coupon elettronico) e nelle Enoteche Pubbliche e private di tutta Italia. Le gare si terranno in tutte le regioni fino all’estate, le semifinali a Roma e a Milano a fine settembre, la finalissima a Napoli in ottobre.

Su www.vinoegiovani.it sarà presto disponibile online anche un Questionario sul vino, che servirà a testare il rapporto tra i giovani e questa bevanda, mentre è già attivo il corso di formazione online "Il vino: impariamo a conoscerlo" che ha già ottenuto oltre 3000 adesioni. Quest’anno il “Premio Per Bacco” verrà assegnato alla Fao per l’iniziativa “Telefood”, che finanzia piccoli progetti di agricoltura sostenibile nei paesi poveri a favore di una maggiore produzione alimentare.

“Il riconoscimento alla Fao - ha spiegato Flavio Tattarini, Presidente di Enoteca Italiana - rientra nella logica complessiva della campagna “Per Bacco, Ragazzi!” che vuole dare un messaggio etico ai giovani. Nostro obiettivo - ha continuato Tattarini - è infatti promuovere non un prodotto ma uno stile di vita. Il vino è un bene culturale che stimola l’intelligenza e la conoscenza e porta alla riscoperta di elementi identitari del nostro territorio”.

Alla conferenza stampa era presente anche Giuseppe Ambrosio, Capo Dipartimento del Mipaf il quale ha spiegato che “il Ministero crede nella campagna “Per Bacco, Ragazzi!” che già ha dato ottimi risultati e nella sua valenza. Questo progetto è fondato non solo sul gusto dei sensi, ma sul fatto che il vino è radicato nella nostra civiltà: non è solo delizia del palato ma cultura, cultura che abbiamo deciso di difendere anche in sede comunitaria sulla questione delle menzioni di origine”.

Il legame tra il vino e i giovani e il forte elemento di socializzazione è stato al centro dell’intervento di Omar Calabrese, Direttore Dipartimento Scienze della Comunicazione Università di Siena. “Il vino oggi è un vero e proprio trait d’union tra i ragazzi, un elemento di socializzazione. Per questa seconda edizione di “Per Bacco, Ragazzi!”, l’Università ha quindi pensato di attivare una borsa di studio su “Gli oggetti della nuova socialità” ed analizzare il vino come propulsore di una modalità consapevole dei nuovi modi di stare insieme. La cultura però si impara anche giocando quindi in questa seconda fase della campagna abbiamo introdotto un gioco on line, che attraverso la modalità ludica porti alla conoscenza del vino e della produzione. Il consumatore si crea non soltanto con il marketing e la seduzione, ma dando basi culturali che sono quelle della convinzione”.

Tra gli ospiti Egeria Di Nallo, Direttore del Dipartimento Sociologia Università di Bologna, ha indicato come “l’etica della felicità abbia un riferimento fortissimo nella misura” mentre Alberto Abruzzese, Docente di Sociologia di Comunicazione di Massa Università La Sapienza di Roma ha commentato: “E’ la prima volta che vengo coivolto in questo settore particolare e la cosa che mi ha colpito di più è l’idea che l’università non sia solo un modo per entrare in contatto con una fascia sociale interessante quanto un luogo dove creare ricerca, sulla memoria del vino e sulle novità di questo mondo”. “Per Bacco, Ragazzi! rientra nella Campagna ministeriale di Comunicazione ed Educazione alimentare voluto fortemente dal Mipaf - ha spiegato la Coordinatrice del programma Rosa Bianco Finocchiaro - e vede coinvolti molti ragazzi. E’ un programma che affronta l’alimentazione non solo dal punto di vista nutrizionale ma anche culturale. Così Per Bacco, Ragazzi! si rivolge ai giovani e parla di vino come un alimento culturale.” In chiusura Majid Chaar, Responsabile esecutivo del progetto Telefood della Fao, ringraziando per il premio ha affermato: “Il vino è luogo di cultura, convivialità e solidarietà. Con questo riconoscimento avete dato dignità a quelli che hanno fame. Per noi la gioventù è un target importante: nel mondo ci sono 200 milioni di bambini che non hanno cibo.”

“Con Vino e Giovani - ha detto Pasquale Di Lena, Segretario Generale di Enoteca Italiana, a conculsione della conferenza stampa cui hanno partecipato tra gli altri il Sen. Matteo Piredda, Dirigente Settore Agricoltura Regione Sardegna e Barbara Giannotti in rappresentanza dell’Agivi - Enoteca Italiana ha pensato di dare un sostegno importante al marketing del settore e ai futuri consumatori. Non è un segreto che il consumo di vino si è dimezzato negli ultimi quarant’anni. Noi non vogliamo far alzare il consumo pro capite, ma invece vogliamo che aumenti il numero dei consumatori. Un consiglio? Bere poco, per bere bene, tutti i giorni!”.


DALL'ARCHIVIO
di Infotuscany.com

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 InfoTuscany.com