Palazzo Piccolomini-  link al sito
italiano english Aggiornato ad Ottobre 2017
>> Dormire
>> Last minute 28 off.te
- Bed & Breakfast
- Case vacanza
- Agriturismo
- Hotel
- Meublè - Camere

>> Gustare
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine

>> Palazzi e musei
- Palazzo Piccolomini

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Bluetangos
- Crete di Siena in Moto

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service
  Il Girasole

- DG autonoleggio

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

>> Acquisti
- Artigianato
- Prodotti Tipici
- Servizi
- Aziende Agricole

>> Benessere
- Terme di Toscana

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Crociani
- Contucci
- Il Greppo
- Piazza Grande Wines
- Palazzo Vecchio

>> Territorio
- Eventi
Home » News » 35 grandi vini da Siena al Brasile

Trentacinque grandi vini italiani e nove tra le migliori aziende vinicole della Penisola saranno i protagonisti assoluti di un work shop in Brasile il 2 e il 3 agosto 2004 organizzato dall’Ente Vini - Enoteca Italiana (Siena), in collaborazione con l’Istituto per il Commercio Estero (Ice), presso il Renaissance Sao Paulo Hotel nell’omonima metropoli carioca, capitale economica dell’immenso paese sudamericano. A portare di nuovo in Brasile, dopo alcuni anni, i profumi e i sapori di Chianti, Nobile di Montepulciano, Sangiovese di Romagna, Lambrusco, Prosecco e Pinot grigio, sono stati i forti segnali di ripresa del mercato interno, in particolare la previsione nel 2004 di un rialzo del tasso annuale d’incremento delle importazioni (+10,6%) che dovrebbe superare quello delle esportazioni (+3,6) e il buon andamento della bilancia commerciale brasiliana, il cui saldo nei primi 10 mesi del 2003 ha superato il record storico di 20 mld di dollari, mentre l’indice di ‘rischio paese’ è sceso al di sotto della soglia dei 600 punti. A ritmo di “samba”, quindi, il vino italiano riparte da “As denominacoes de origem dos vinhos italiano, una contìnua descuberta”, titolo della relazione con la quale Flavio Tattarini, presidente di Ente Vini - Enoteca Italiana, introdurrà martedì 3 agosto (ore 16) il seminario sulle denominazioni (legge 164), al termine del quale è in programma una degustazione realizzata dai produttori, in tavoli personalizzati, rivolta a un centinaio tra sommelier, importatori, distributori, ristoratori e chef, i quali nel work shop vero e proprio (ore 12.30), la mattina, avranno la possibilità di contatti riservati con le aziende italiane. Il programma della giornata di martedì 3 agosto, che inizia con la visita tecnica al Gruppo “Pao de Acucar” (ore 10,30), si concluderà con una degustazione ampliata (ore 19) alla quale sono invitate personalità del mondo della gastronomia, dell’economia e della cultura. Lunedì 2 agosto, invece, dopo la conferenza stampa (ore 20) presso la Vinheria Percursi è prevista una cena abbinata a vini selezionati, riservata a giornalisti e rappresentanti del mondo della comunicazione. Le aziende presenti in Brasile nell’ambito della “missione” di Enoteca Italiana (Ufficio Relazioni Estero: Alessandro Mugnaioli e Cesare Montomoli) sono I Balzini (Colli della Toscana Centrale Rosso Igt “White Lable” 2000, Colli della Toscana Centrale Rosso Igt “Black Lable” 2000); Lanciola (Toscana Bianco Igt “Lanciola” 2003, Toscana Bianco Igt “Riccio Bianco” 2002; Toscana Rosso Igt “Lanciola” 2003, Chianti Classico Docg “Masse di Greve” 2002, Chianti Colli Fiorentini Docg 2001, Toscano Rosso Igt “Terricci” 1998, Chianti Colli Fiorentini Riserva Docg 1996, Chianti Classico Riserva Docg “Masse di Greve” 1996); Rocca di Castagnoli (Chianti Classico Docg 2001, Chianti Classico Riserva Docg “Capraia” 2000, Toscana Rosso Igt “Stielle” 2000); Bellenda (Montebello Brut, Prosecco di Valdobbiadene Doc “Col di Luna”, Prosecco di Valdobbiadene Doc “San Fermo” 2003, Friuli Grave Pinot Grigio Doc 2003, Colli di Conegliano Rosso Doc “Contrada di Concenigo” 1999); Cantine Beato Bartolomeo da Breganze (Veneto Vespaiolo Igt Frizzante, Breganze Vespaiolo Superiore Doc “Savardo” 2001, Breganze Cabernet Sauvignon Riserva Doc “Kliò” 2000, Veneto Merlot Igt “Boscogrande” 2001, Breganze Cabernet Sauvignon Superiore Doc “Savardo”, Vino Spumante Vespaiolo Demi Sec); Castello di Querceto (Chianti Docg “Querceto” 2003, Chianti Classico Docg “Le Capanne” 2002, Chianti Classico Riserva Docg “Castello di Querceto” 2000); Gruppo Coltiva (Sangiovese di Romagna Superiore Doc “Terre Cevico”, Sangiovese di Romagna Riserva Doc “Romandiola” 2000, Lambrusco Salamino di Santa Croce Doc “Richi”, Lambrusco Grasparossa di Castelvetro Doc Amabile “Righi”); International Food & Beverage (liquore al limone “Oro di Amalfi”); Tenuta Valdipiatta (Rosso di Montepulciano Doc 2003, Vino Nobile di Montepulciano Docg 2000, Vino Nobile di Montepulciano Docg “Vigna d’Alfiero” 2000, Toscano Rosso Igt “Trefonti” 1999).
DALL'ARCHIVIO
di Infotuscany.com

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 InfoTuscany.com