Palazzo Piccolomini-  link al sito
italiano english Aggiornato ad Ottobre 2017
>> Dormire
>> Last minute 28 off.te
- Bed & Breakfast
- Case vacanza
- Agriturismo
- Hotel
- Meublè - Camere

>> Gustare
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine

>> Palazzi e musei
- Palazzo Piccolomini

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Bluetangos
- Crete di Siena in Moto

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service
  Il Girasole

- DG autonoleggio

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

>> Acquisti
- Artigianato
- Prodotti Tipici
- Servizi
- Aziende Agricole

>> Benessere
- Terme di Toscana

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Crociani
- Contucci
- Il Greppo
- Piazza Grande Wines
- Palazzo Vecchio

>> Territorio
- Eventi
Home » News » Nuova legge regionale sull'agriturismo

La lr 30/03, voluta dall’Amministrazione Regionale, è frutto di una intensa attività di concertazione tra organizzazioni agricole e istituzioni.
La nuova legge, mantiene intatto il principio dell’agriturismo, inteso come attività connessa e complementare all’attività agricola e modifica alcune norme quali:
• offre all’imprenditore maggiori margini di manovra, mettendogli a disposizioni vari strumenti per la dimostrazione della principalità
• offre tutele ben precise alle piccole e medie imprese, alle imprese che insistono su aree montane e che sono prevalentemente boscate
• modifica radicalmente il sistema di classificazione, meno incentrato sulla valorizzazione del comfort alberghiero e più facile da comunicare all’ospite
• introduce elementi di novità che permettono di dare risposte concrete alle esigenze di multifunzionalità (possibilità di organizzare eventi enogastronomici aperti al pubblico, possibilità di macellare in azienda alcuni tipi di animali allevati in azienda…) dell’azienda agricola
• risolve alcuni problemi pratici, da anni in attesa di risposta (possibilità di aggiungere un posto letto per i bambini sotto i 12 anni, possibilità di utilizzare un locale polifunzionale per la preparazione dei prodotti aziendali e dei pasti da somministrare agli ospiti…)
Esistono infatti ancora dei nodi da sciogliere in particolare alcune associazioni di categoria richiedono:

• regole certe per la conduzione della piscina agrituristica che, per dimensioni e soprattutto per affluenza, non può essere in alcun modo assimilata alle piscine ad uso pubblico;
• ampliamento delle possibilità di macellazione in azienda, con l’aggiunta di una quantità di suini e ovicaprini, limitata ma sufficiente a rispettare tradizioni e usi ormai consolidati nelle campagne toscane
• revisione del meccanismo per l’attribuzione delle spighe che rischia di penalizzare le aziende che non fanno vendita diretta e crea un discrimine tra aziende a vocazione zootecnica e aziende con produzioni vegetali.
DALL'ARCHIVIO
di Infotuscany.com

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 InfoTuscany.com