Palazzo Piccolomini-  link al sito
italiano english Aggiornato ad Ottobre 2017
>> Dormire
>> Last minute 28 off.te
- Bed & Breakfast
- Case vacanza
- Agriturismo
- Hotel
- Meublè - Camere

>> Gustare
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine

>> Palazzi e musei
- Palazzo Piccolomini

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Bluetangos
- Crete di Siena in Moto

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service
  Il Girasole

- DG autonoleggio

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

>> Acquisti
- Artigianato
- Prodotti Tipici
- Servizi
- Aziende Agricole

>> Benessere
- Terme di Toscana

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Crociani
- Contucci
- Il Greppo
- Piazza Grande Wines
- Palazzo Vecchio

>> Territorio
- Eventi
Home » News » Tattarini scrive al Ministro Alemanno

Flavio Tattarini presidente di Ente Vini - Enoteca Italiana di Siena scrive una lettera a Giovanni Alemanno, ministro delle Politiche Agricole e Forestali, nella quale si criticano in maniera netta i contenuti del servizio sul vino italiano realizzato e messo in onda dalla trasmissione Report (Rai) il 24 settembre 2004 e si sollecita l'avvio di una campagna di informazione per tutelare il vino in questo delicato momento.


Egregio Signor Ministro,

ci permettiamo di segnalare i contenuti, certamente non sfuggiti alla Sua attenzione, presenti nella trasmissione inchiesta di “Report” su Rai 3 del giorno 24 settembre u.s. che ha affrontato le molteplici problematiche del “Prodotto vino.
Lo spirito della trasmissione salvo un fugace inciso iniziale, non ha dato, per non conoscenza o per non volontà, conto in alcun modo dell’impegno ultra decennale del sistema vitivinicolo italiano per l’innovazione, la naturalità, la qualità, la tutela e valorizzazione dei nostri vini; e non ha dato conto dei notevoli risultati raggiunti a vantaggio del sistema e dei consumatori.
Un impegno che ha coinvolto in eguale misura tutta la filiera, la ricerca scientifica, i vari livelli di gestione e di controllo, i soggetti della comunicazione e della promozione e i vari livelli di governo.
Lo spettatore medio, consumatore o non, semplice appassionato o esperto, ne ha certamente ricavato l’idea di un sistema qualitativamente non elevato, certamente non garantista di naturalità e salubrità, impegnato in furberie, mezzucci, alterazione delle regole produttive (uso non controllato della chimica) e delle pratiche enologiche nella trasformazione e nell’affinamento attuate con “sospette” se non pericolose polverine (così sono stati presentati i lieviti e il mosto concentrato rettificato) e con l’uso di barriques finalizzato ad alterare sapori e naturalità…
Un sistema di valutazione e controllo sulle produzioni di origine a DOC come minimo evanescente se non lassista o permissivo tanto da consentire vere e proprie frodi e truffe diffuse sulla identità e sul costo dei prodotti.
Un sistema di valutazione ai fini della promozione alterato da conflitti di interesse e vere e proprie combines nel rapporto enologi - produttori - guide.
Infine una perla demolitrice del lavoro di ricerca e sperimentazione nazionale ed internazionale che ha documentato con grande equilibrio il corretto rapporto vino - salute e il valore della salubrità nel bere consapevolmente con moderazione per riaffermare in maniera lapidaria e senza appello la nocività dell’alcool e soprattutto del vino.
Uno spirito e contenuti pertanto che di fatto hanno presentato possibili eccezioni perseguite e perseguibili come la regola dominante del sistema e questo a noi sembra non solo non corretto ma inaccettabile.
Riteniamo pertanto Signor Ministro che sarebbe opportuno mettere in atto un progetto equilibrato, fondato scientificamente e con i dati dell’esperienza diffusa finalizzato a promuovere una campagna di informazione che sia in grado di fare giustizia di luoghi comuni che danneggiano, in questa fase delicatissima, il sistema vitivinicolo italiano usando i canali informativi che più direttamente possono coinvolgere i consumatori. L’Enoteca Italiana Signor Ministro è a Sua disposizione, pronta a collaborare per dare all’opinione pubblica un corretto quadro d’insieme della realtà vitivinicola del nostro Paese, in ordine soprattutto ai livelli qualitativi, alla genuinità e alla tipicità. Con i migliori saluti.
Il Presidente
Flavio Tattarini


DALL'ARCHIVIO
di Infotuscany.com

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 InfoTuscany.com