Palazzo Piccolomini-  link al sito
italiano english Aggiornato a Dicembre 2017
>> Dormire
>> Last minute 16 off.te
- Bed & Breakfast
- Case vacanza
- Agriturismo
- Hotel
- Meublè - Camere

>> Gustare
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine

>> Palazzi e musei
- Palazzo Piccolomini

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Bluetangos
- Crete di Siena in Moto

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service
  Il Girasole

- DG autonoleggio

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

>> Acquisti
- Artigianato
- Prodotti Tipici
- Servizi
- Aziende Agricole

>> Benessere
- Terme di Toscana

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Crociani
- Contucci
- Il Greppo
- Piazza Grande Wines
- Palazzo Vecchio

>> Territorio
- Eventi
Home » News » Riciclare, ma non solo: il futuro dei rifiuti

 

«E’ incredibile vedere come siano cambiati i modi di gestire i rifiuti in questi ultimi trent’anni. Basta pensare che fino agli anni Cinquanta era sufficiente un netturbino con un carretto e una granata per spazzare le strade». Tra le domande cui l’assessore all’Ambiente Francesco Livi ha risposto stamani al «Good Morning» di Radio 3 Network, ce n’era anche una sulla mostra «Rifiuti d’autore» allestita in sala Quadri e organizzata da Sienambiente. «La mostra – ha continuato l’assessore – offre uno spaccato dei mutamenti avvenuti non soltanto per quanto riguarda la raccolta e la gestione, ma anche nella produzione dei rifiuti. Oggi ne produciamo tanti, ed è per questo che è sì importante riciclare, pensare a sistemi di smaltimento, ma è altrettanto fondamentale iniziare a produrre meno rifiuti».

 

La mostra ha aperto un ciclo di iniziative di Sienambiente, «Il mosaico dei rifiuti». «Si tratta – ha ribadito Livi durante la trasmissione condotta da Mirco Roppolo e Marzia Faraone – di una serie di iniziative sul tema dei rifiuti che avranno un momento importante la prossima settimana, con una giornata di festa il 12 novembre. La mattina ci sarà lo spettacolo “La magia della Raccolta differenziata”, dedicato alle scuole elementari e a cui parteciperà un mago dei rifiuti. Nel pomeriggio, invece, si terrà la consegna del premio “Comune riciclone” assegnato a Poggibonsi da Legambiente. Infine, il 26 novembre, il convegno “Rifiuti: la sfida possibile” con la partecipazione dell’esperto Guido Viale e dell’ex ministro dell’Ambiente Edo Ronchi».

Il premio riciclone e la raccolta differenziata - Poggibonsi è da anni il Comune del Centro Italia più virtuoso -  sono stati lo spunto per rispondere anche alla domanda sulla possibile diminuzione della produzione dei rifiuti. «Vogliamo – ha detto Livi – continuare a lottare per ridurre la produzione di rifiuti perché, certo, è importante gestirli in maniera corretta come si sta facendo in provincia di Siena, ma a questi ritmi d’aumento non basterà solo la raccolta differenziata, in cui comunque siamo all’avanguardia». A fine 2003, per abbattere la produzione dei rifiuti, Poggibonsi, tra i primi Comuni della Toscana, ha avviato il progetto Eco Acquisti. «E’ – ha detto Livi – un progetto, finanziato dalla Regione, attraverso cui si vuole dettare una serie di regole perché ogni cittadino sia consapevole del fatto che meno imballaggi significa minor quantità di rifiuti, che occorre scegliere i prodotti non solo in base a prezzo e qualità ma anche al loro impatto ambientale. Insomma, che fare la spesa non è più una questione privata ma incide sul futuro dell’ambiente».

Tra le regole da seguire, ha ricordato Livi, «quella di riutilizzare le buste di plastica per la spesa, meglio ancora utilizzare borse di cotone, evitare gli alimenti preconfezionati e preferire gli acquisti al banco, non comprare le mini confezioni multiple ma confezioni per tutta la famiglia, per i detergenti ricorrere ai contenitori in materiale riciclato e, in generale, preferire le ricariche per evitare imballaggi superflui e contenitori inutili». E poi «anche i piatti e bicchieri di plastica possono essere sostituiti con quelli in «mater-Bi», prodotti con l’amido di mais, che sono biodegradabili ovvero possono essere smaltiti insieme al materiale organico. Una scelta che il Comune ha fatto per la mensa delle scuole».

Infine, altro argomento trattato dall’assessore all’Ambiente, quello di Agenda 21. «L’ambiente – ha sottolineato Livi – non è soltanto alberi, aiole e giardini. Ambiente è quello che facciamo, i nostri consumi, il nostro comportamento. Insomma è tutto il nostro habitat. Non possiamo pensare ad un ambiente isolato dalle nostre abitudini ed è quello che facciamo con gli incontri di Agenda 21, che hanno l’obiettivo di lasciare in eredità un futuro vivibile ai nostri figli».


DALL'ARCHIVIO
di Infotuscany.com

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 InfoTuscany.com