Palazzo Piccolomini-  link al sito
italiano english Aggiornato a Dicembre 2017
>> Dormire
>> Last minute 16 off.te
- Bed & Breakfast
- Case vacanza
- Agriturismo
- Hotel
- Meublè - Camere

>> Gustare
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine

>> Palazzi e musei
- Palazzo Piccolomini

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Bluetangos
- Crete di Siena in Moto

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service
  Il Girasole

- DG autonoleggio

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

>> Acquisti
- Artigianato
- Prodotti Tipici
- Servizi
- Aziende Agricole

>> Benessere
- Terme di Toscana

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Crociani
- Contucci
- Il Greppo
- Piazza Grande Wines
- Palazzo Vecchio

>> Territorio
- Eventi
Home » News » Poggibonsi ricorda i bombardamenti

Poggibonsi ricorda i bombardamenti. Il Comune, insieme alla sezione locale dell’Anpi, celebra il 61° anniversario di quei tragici momenti della Seconda Guerra Mondiale. Mercoledì 29 dicembre si terrà una cerimonia di commemorazione a cui parteciperà anche il sindaco Luca Rugi. La manifestazione, il cui inizio è fissato alle ore 11 in piazza Cavour, prevede la deposizione delle corone di alloro alla Targa della «Fabbrichina» in via Trento, dove oggi sorge il centro commerciale Coop, e al cippo di piazza Mazzini.

Il 29 dicembre 1943 è una data indelebile nella memoria dei poggibonsesi, sia di coloro che l'hanno vissuta in prima persona che di quelli a cui il ricordo è stato tramandato dai genitori o dai nonni. Erano le 13.15. L'aria si riempì del rombo cupo delle «fortezze volanti», i micidiali bombardieri delle truppe Alleate. Pochi istanti e una pioggia di bombe cadde sulla città. Furono momenti terribili. Alla prima ondata ne seguì una seconda, ancor più devastante. Case, fabbriche, vie e piazze del centro vennero abbattute e distrutte. Sotto le macerie si contarono 105 morti e centinaia di feriti. Il 75 per cento degli edifici venne distrutto. Poggibonsi pagò un tributo enorme in termini di vittime e di distruzione. Il bombardamento del 29 dicembre era stato preceduto da quelli avvenuti ai primi di novembre e due giorni prima, il 27 dicembre, che colpirono la zona di Romituzzo, del cimitero e di Montelonti. Poi le incursioni aeree dei bombardieri continuarono fino a tutto aprile: Poggibonsi era al centro di un importante nodo stradale e ferroviario ritenuto dagli Alleati di notevole importanza strategico militare.


DALL'ARCHIVIO
di Infotuscany.com

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 InfoTuscany.com