Palazzo Piccolomini-  link al sito
italiano english Aggiornato a Novembre 2017
>> Dormire
>> Last minute 28 off.te
- Bed & Breakfast
- Case vacanza
- Agriturismo
- Hotel
- Meublè - Camere

>> Gustare
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine

>> Palazzi e musei
- Palazzo Piccolomini

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Bluetangos
- Crete di Siena in Moto

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service
  Il Girasole

- DG autonoleggio

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

>> Acquisti
- Artigianato
- Prodotti Tipici
- Servizi
- Aziende Agricole

>> Benessere
- Terme di Toscana

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Crociani
- Contucci
- Il Greppo
- Piazza Grande Wines
- Palazzo Vecchio

>> Territorio
- Eventi
Home » News » ?8 Marzo e dintorni?, iniziative per la donna in Val d'Elsa

«Donne in arte in Valdelsa»: questo il titolo della principale iniziativa del Centro Pari Opportunità per ricordare l’ 8 marzo, una data di festa, di memoria e di riflessione.


«Questo «8 Marzo e dintorni» - spiega il presidente del Centro Pari Opportunità e assessore del Comune di Poggibonsi, Bianca D’Amato – propone anche quest’anno un fitto calendario di iniziative con tante occasioni di incontro, di confronto, di scambio di idee e proposte per il futuro. Evento unificante, che fa da cornice ad ogni incontro, la mostra «Donne in Arte in Valdelsa» in cui sono protagoniste diciotto artiste del territorio, con le loro opere esposte nei sei comuni dell'area».


La mostra, ideata, curata e allestita da Patrizia Tedesco del Laboratorio Teatro Donna by Theatrikos, ha l’obiettivo di far scoprire la creatività femminile presente nella nostra zona.


«La mostra – continua D’Amato – è anche una mappa della produzione artistica delle donne sul territorio. Donne che lavorano spesso con difficoltà, in solitudine, nel silenzio delle istituzioni, con i mille problemi di un quotidiano gravoso, ma sempre con tenacia, determinazione, magari adattando a laboratorio uno scantinato, un fienile, o trasformando il soggiorno in atelier, con quella creatività  e fantasia che contraddistingue sempre il lavoro delle donne».


«Donne in arte in Valdelsa» mette insieme diciotto artiste, italiane e straniere, che hanno all'attivo mostre personali e collettive, sia in Italia che all'estero, a dimostrazione di un costante percorso artistico. I generi vanno dall'arazzo all'arte orafa, dalla ceramica alla pittura, al vetro, al ferro battuto, all'incisione, in una carrellata di temi ed esperienze più o meno lunghe.


«Il corpus della mostra – spiega la presidente del Centro – è suddiviso su sei Comuni e il criterio espositivo ha tenuto conto di stili, cromaticità, linguaggi differenti uniti per assonanza o contrasto. Altro evento importante sarà il dibattito che si svolgerà il 6 marzo alle 17 al Cassero della Fortezza Medicea di Poggibonsi. Saranno presentati i risultati di due ricerche che riguardano il lavoro di cura e i percorsi di identità femminile di due fasce generazionali diverse. Sarà l’occasione per ragionare su importanti elementi di vita quotidiana delle donne come la cura, la responsabilità, la libertà e la maternità.


Incontri musicali, lettura di poesie, spettacoli  teatrali, cinema sono gli altri appuntamenti di questo «8 marzo e dintorni». Per maggiori dettagli si può consultare il sito Internet dei Comuni di Poggibonsi, Monteriggioni, Casole, Radicondoli, San Gimignano e Colle Val d’Elsa o chiamare il Centro Pari Opportunità allo 0577-924096.


Il primo appuntamento della rassegna è domenica prossima a Radicondoli con la mostra di Katia Bassi a Palazzo Bizzarrini.


 


Questo il cartellone completo dell’esposizione «Donne in arte in Valdelsa»


 


Radicondoli, 27 febbraio-10 marzo nel Palazzo Bizzarrini: esposizione di Katia Bassi con la sua pittura materica, segni netti di viatici emozionali, che si confrontano con la ceramica di Ornella Danese, dalle influenze decorative etniche abbinate a linee moderne e minimaliste.


Inaugurazione con aperitivo domenica 27 febbraio ore 18.


San Gimignano, dall'1 al 10 marzo nella Sala della Cultura: sono esposti gli arazzi di Marie Ange Guisolan, con la sua  ArTissage bleurouge   fusione tra l'antico e il moderno, come gli oggetti d'uso e le sculture in ceramica di Gioia Sulas, che utilizza sabbie dai cromatismi cangianti e forme dal vago sapore zen.


Anche i gioielli di Paola Ricci si rifanno a forme fluttuanti,  ben espresse  nei fantasiosi gioielli in stoffa. La pittura di Gloria Forti crea anch'essa trasgressioni  e recupero di memoria con “ordinarie camicie”, metafora al limite del surreale.


Inaugurazione con aperitivo mercoledì 2 marzo ore 18.


A Colle Val d'Elsa, nel Palazzo dei Priori, dal 10 al 20 marzo le sontuose stoffe  di  Vasudha Evans tracciano geometrie e scenari di preziosa fattura di impronta fortemente simbolica, come l'oro cesellato dalle abili mani della maestra orafa  Laura De Tanti.  Le sospese sculture in vetro di Daniela Forti sfidano, poi, con maestria le leggi della gravità mentre tenacia e   gusto estetico sono gli ingredienti alla base del lavoro di Maria Rebora Di Piazza, incisore e pittrice, fulgida settantenne, allieva  di Mino Maccari, sempre alla ricerca  di  personali soluzioni stilistiche. Inaugurazione con aperitivo  venerdì 11 marzo ore 18.


Il Centro Congressi di Casole d'Elsa  accoglie  la stupefacente natura morta di Cristiana Mewes   accanto agli arditi arazzi di Lorella Capezzuoli, tavole di forte contaminazione tra materiali, dalla plastica alla carta.


Inaugurazione con buffet sabato 12 marzo ore 18.


Nel  bellissimo complesso della Tinaia di Abbadia Isola - Monteriggioni viene esposta la «psichedelica» produzione di Hazel Trivelli,  a tratti surrealista, dal segno magico e potente,  cui fanno da richiamo semantico il ferro battuto, la lamiera, il filo di ferro,  materiali su cui si innesta la  vena artistica di Jackie Tune. Oggetti d'uso e d'arredamento  sono anche  il campo d'azione di Grazia De Tommaso e della antica  arte del mosaico cui si dedica  in particolar modo nella manifattura di lastre a mosaico con lavorazione al negativo.


Inaugurazione con aperitivo sabato 19 marzo ore 18.


A Poggibonsi, nella Sala Quadri, i coloratissimi tessuti patchwork di Leonilde Bartarelli  creano interessanti percorsi di arte tessile, quilting e “cucito creativo” cui fanno eco le litografie e le incisioni di Silvia Borgogni, tesa a sperimentare grafismi evocativi e armonie cromatiche nello studio del figurativo.


Varie tecniche di lavorazione, maiolica, terra sigillata, tecnica Raku sono alla base dell'espressività delle ceramiche di  Aldina Olivi, vasi e oggetti dalla cromia variegata che predilige il segno.


Inaugurazione con aperitivo venerdì 18 marzo ore 12.


 

<< back


 


Copyright 2002-2017 InfoTuscany.com