Palazzo Piccolomini-  link al sito
italiano english Aggiornato a Dicembre 2017
>> Dormire
>> Last minute 16 off.te
- Bed & Breakfast
- Case vacanza
- Agriturismo
- Hotel
- Meublè - Camere

>> Gustare
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine

>> Palazzi e musei
- Palazzo Piccolomini

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Bluetangos
- Crete di Siena in Moto

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service
  Il Girasole

- DG autonoleggio

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

>> Acquisti
- Artigianato
- Prodotti Tipici
- Servizi
- Aziende Agricole

>> Benessere
- Terme di Toscana

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Crociani
- Contucci
- Il Greppo
- Piazza Grande Wines
- Palazzo Vecchio

>> Territorio
- Eventi
Home » News » Intervista all'assessore alla cultura di Poggibonsi

Telecamere alla Fonte delle Fate contro gli atti vandalici, catalogazione del patrimonio artistico e in arrivo anche una guida.

Prevenire atti vandalici, difendere il patrimonio artistico e culturale della città. Con questi obiettivi la Giunta comunale di Poggibonsi ha deciso di installare alcune telecamere di sorveglianza nella zona della Fonte delle Fate, il monumento che è stato recentemente ripulito dopo essere stato oggetto di scritte con la vernice spray.

«Si tratta – spiega l’assessore alla Cultura Rossella Merli – di un modo per scoraggiare il ripetersi di atti vandalici nei confronti di uno dei nostri monumenti di maggior pregio. Le telecamere avranno una funzione di deterrente che, tuttavia, non sostituirà le altre forme di controllo, come quelle messe in atto dalle pattuglie della polizia municipale e, prima tra tutte, il senso di responsabilità civica che i cittadini di Poggibonsi hanno sempre dimostrato di avere».

La Fonte delle Fate è recentemente entrata a far parte del sistema dei musei della Provincia di Siena. Un traguardo importante, come sottolinea lo stesso assessore. «Poggibonsi – dice – entra nella rete provinciale volta alla valorizzazione e allo sviluppo di tutti i settori del territorio, compreso quello economico, dell’immagine e della promozione turistica. Inoltre la Fonte delle Fate è al centro di indagini e approfondimenti da parte sia del dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti dell’Università di Siena, che della Soprintendenza ai Beni Storico Artistici di Siena».

Si tratta della valorizzazione di uno dei monumenti più significativi di Poggibonsi. Ma altre iniziative sono in programma. A settembre ci sarà l’inaugurazione del Cassero, nascerà il parco scientifico archeologico della zona degli scavi di Poggio Bonizio, un grande progetto per promuovere la storia e la cultura della città.

«L’attenzione riposta verso la Fonte delle Fate – continua l’assessore Merli – rientra in un processo generale di promozione del nostro territorio attraverso il quale vogliamo dare rilievo alle diversità del patrimonio storico artistico di Poggibonsi. Ci sono progetti in corso che vedono l’amministrazione impegnata nella valorizzazione dell’arte in termini di ricerca e documentazione intraprese con metodo scientifico. Opere, monumenti e quant’altro non sono valutati per il loro semplice valore estetico, ma in base alla documentazione storica e al legame con il territorio per difenderne la conoscenza. Un esempio è lo studio che la Soprintendenza porta avanti sulla fontana di piazza Cavour. Oppure basta ricordare «La Madonna col Bambino», l’affresco del Cinquecento che è stato donato al Comune grazie alla generosità della Cooper Prima Poggiobonizio ed è andato ad arricchire il nostro patrimonio di quadri.

Patrimonio di cui è in corso la catalogazione da parte della Soprintendenza, che sta censendo tutte le opere conservate all’interno del Palazzo Comunale. Questo in vista della realizzazione di una pinacoteca all’interno dell’ex ospedale Burresi. Inoltre è in corso di preparazione, grazie all’assessore al Turismo Franca Martinucci, una guida ai monumenti della città che intende entrare nel merito tipologico e storico delle opere».


DALL'ARCHIVIO
di Infotuscany.com

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 InfoTuscany.com