Palazzo Piccolomini-  link al sito
italiano english Aggiornato a Dicembre 2017
>> Dormire
>> Last minute 16 off.te
- Bed & Breakfast
- Case vacanza
- Agriturismo
- Hotel
- Meublè - Camere

>> Gustare
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine

>> Palazzi e musei
- Palazzo Piccolomini

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Bluetangos
- Crete di Siena in Moto

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service
  Il Girasole

- DG autonoleggio

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

>> Acquisti
- Artigianato
- Prodotti Tipici
- Servizi
- Aziende Agricole

>> Benessere
- Terme di Toscana

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Crociani
- Contucci
- Il Greppo
- Piazza Grande Wines
- Palazzo Vecchio

>> Territorio
- Eventi
Home » News » Tornano i ?fochi? alla vigilia di San Lucchese

Mantenere e consolidare una tradizione antica come quella dei ‘fochi’ di San Lucchese. Questo l’obiettivo dell’iniziativa del Comune, realizzata in collaborazione con gli Amici di Poggibonsi e con la scuola media «Leonardo da Vinci».

La manifestazione è semplice, ma fa parte della cultura poggibonsese. Saranno allestite cataste lungo l’argine inferiore del torrente Staggia, nel tratto compreso fra il ponte ex-Fassati e quello di largo Campidoglio. Le cataste, composte da materiale eco-compatibile fornito dal Comune, saranno incendiate, con tutte le necessarie precauzioni, a partire dalle 21.15 da ragazzi e ragazze della scuola media e non, che si sono organizzati in gruppi. Per tutta la durata dei «fochi», lungo la pista ciclabile si esibirà la banda musicale di Poggibonsi.

«Abbiamo voluto – ha dichiarato il sindaco Luca Rugi – ridare vigore a questa tradizione “vera”, molto sentita dalla città ».

La festa di San Lucchese, con i «fochi» accesi la notte della vigilia, rappresenta un momento molto amato e radicato fra i cittadini, una tradizione che si perde nella notte dei tempi ma che rischiava di scomparire a causa di tanti cambiamenti nelle abitudini dei poggibonsesi. Per tanto tempo ragazzi divisi in gruppi di diversi quartieri della città hanno portato avanti l’usanza di accumulare nelle piazze, lungo le strade e in altri spazi, legna da ardere, fascine, spesso rubate di nascosto ai genitori, ma anche pezzi di mobili e altri scarti, in grandi cataste cui veniva appiccato il fuoco.

Adesso, con l’iniziativa del Comune, con gli Amici di Poggibonsi e il contributo della scuola, la tradizione potrà continuare a vivere.


DALL'ARCHIVIO
di Infotuscany.com

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 InfoTuscany.com