Palazzo Piccolomini-  link al sito
italiano english Aggiornato ad Ottobre 2017
>> Dormire
>> Last minute 28 off.te
- Bed & Breakfast
- Case vacanza
- Agriturismo
- Hotel
- Meublè - Camere

>> Gustare
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine

>> Palazzi e musei
- Palazzo Piccolomini

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Bluetangos
- Crete di Siena in Moto

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service
  Il Girasole

- DG autonoleggio

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

>> Acquisti
- Artigianato
- Prodotti Tipici
- Servizi
- Aziende Agricole

>> Benessere
- Terme di Toscana

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Crociani
- Contucci
- Il Greppo
- Piazza Grande Wines
- Palazzo Vecchio

>> Territorio
- Eventi
Home » News » A tavola con i piatti biodegradabili

Nelle mense delle scuole di Poggibonsi si mangia con i piatti completamente biodegradabili fatti con amido di mais. «L’introduzione di questo materiale – spiega l’assessore alle Politiche educative, Fabio Dei – risponde ad una logica di rispetto dell’ambiente e di adeguamento alle normative sul riciclaggio. Si tratta di una decisione presa in coerenza con le scelte più complessive effettuate dall’amministrazione comunale sulla raccolta differenziata. Scelte che hanno fatto sì che Poggibonsi abbia raggiunto il 40.86 per cento di differenziata».

Le stoviglie realizzate in amido di mais sostituiscono i piatti piani e i bicchieri di plastica. Sono prodotti realizzati con una materia ricavata dall’amido di mais e sono completamente biodegradabili. Quando vengono buttati via insieme agli avanzi dei pasti e finiscono in un impianto di compostaggio si degradano, vengono cioè attaccati dai microrganismi e nel giro di poco tempo si trasformano in humus. Sono stoviglie «naturali» che non provocano sull’ambiente le conseguenze proprie della plastica, ma allo stesso tempo hanno le stesse peculiarità della plastica: sono inodori, insapori, atossici e ‘usa e getta’.

«Si tratta – sottolinea l’assessore all’Ambiente, Francesco Livi – di un’iniziativa nata dalla collaborazione tra l’assessorato all’Ambiente e quello delle Politiche educative. È un progetto che fa parte delle soluzioni adottate dal Comune per ridurre i rifiuti e per il loro smaltimento. Questo in particolare dà il via anche ad un discorso di educazione all’interno delle scuole. Si insegna, infatti, ai bambini che i rifiuti si possono anche riciclare - in questo caso i piatti diventano humus - e non soltanto buttare via. La prossima scommessa del Comune è quella di diminuire la quantità di rifiuti prodotti. Non solo spingere al massimo la raccolta differenziata, ma iniziare ad intaccare la produzione di rifiuti che ogni anno aumentano in media del 5 per cento».


DALL'ARCHIVIO
di Infotuscany.com

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 InfoTuscany.com