Palazzo Piccolomini-  link al sito
italiano english Aggiornato ad Ottobre 2017
>> Dormire
>> Last minute 28 off.te
- Bed & Breakfast
- Case vacanza
- Agriturismo
- Hotel
- Meublè - Camere

>> Gustare
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine

>> Palazzi e musei
- Palazzo Piccolomini

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Bluetangos
- Crete di Siena in Moto

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service
  Il Girasole

- DG autonoleggio

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

>> Acquisti
- Artigianato
- Prodotti Tipici
- Servizi
- Aziende Agricole

>> Benessere
- Terme di Toscana

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Crociani
- Contucci
- Il Greppo
- Piazza Grande Wines
- Palazzo Vecchio

>> Territorio
- Eventi
Home » News » Confesercenti: “sulla Tia andiamo a fondo”

“Il commercio perde colpi, ci sono aziende che chiudono e posti di lavoro che spariscono.

Ma a giudicare dalle bollette dei rifiuti, a qualcuno forse non interessa.  A noi invece sì, e a questo punto vogliamo vederci chiaro”. Nel terziario senese sono  giorni di forte malcontento e Graziano Becchetti, Presidente provinciale di Confesercenti Siena, lo sintetizza così.
Le sedi dell’associazione di categoria stanno raccogliendo segnalazioni di proteste a decine: imprenditori dei più diversi comparti si dicono esterrefatti per l’entità della Tia, la Tariffa sull’Igiene Urbana le cui bollette vengono indirizzate proprio in questo periodo.
Da nord a sud della provincia, Confesercenti registra sorpresa e preoccupazione tra gli operatori, che in più di un caso lamentano incrementi esponenziali rispetto al passato.
“Avevamo espresso l’anno scorso il timore che quest’anno, con il passaggio da Tarsu a Tia in altri comuni, la situazione avrebbe potuto peggiorare pesantemente – afferma Becchetti – ci siamo accorti che mettere in guardia non basta più, e allora andiamo più a fondo”.

Di conseguenza, Confesercenti ha chiesto ed ottenuto un incontro diretto con il Gestore unico del servizio rifiuti, Sienambiente, per comprendere in modo più approfondito i meccanismi di determinazione delle tariffe.
“Diamo atto al Gestore di aver mostrato disponibilità, e di averci fornito informazioni sicuramente utili – afferma Becchetti – ma il percorso non si ferma qui; a questo punto vogliamo fare chiarezza anche sulle indicazioni che i singoli Comuni forniscono al Gestore, perché il dubbio è che il peso sopportato dalle aziende sia spropositato rispetto il servizio fornito”. 

Un’indagine sulla trasparenza che è diventata “necessaria”, secondo il Presidente di Confesercenti, vista la delicatissima situazione che si è creata nel settore: “lo scorso semestre, per la prima volta dopo anni, il saldo delle aziende commerciali al registro imprese provinciale è tornato negativo – aggiunge Becchetti – Significa che le aziende in chiusura sono risultate maggiori di quella in avvio.
Eppure c’è ancora chi pensa che a chi produce e dà lavoro si possa chiedere di tutto, anche se è piccolo e sempre più messo a rischio dal mercato mondiale”.

Così, la Tia diventa per Confesercenti il primo vero banco di prova: “vogliamo vederci chiaro davvero – conclude Becchetti – e per questo continueremo ad attivarci a tutti i livelli per dare risposte concrete alla aziende”. 
DALL'ARCHIVIO
di Infotuscany.com

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 InfoTuscany.com