Palazzo Piccolomini-  link al sito
italiano english Aggiornato ad Ottobre 2017
>> Dormire
>> Last minute 28 off.te
- Bed & Breakfast
- Case vacanza
- Agriturismo
- Hotel
- Meublè - Camere

>> Gustare
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine

>> Palazzi e musei
- Palazzo Piccolomini

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Bluetangos
- Crete di Siena in Moto

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service
  Il Girasole

- DG autonoleggio

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

>> Acquisti
- Artigianato
- Prodotti Tipici
- Servizi
- Aziende Agricole

>> Benessere
- Terme di Toscana

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Crociani
- Contucci
- Il Greppo
- Piazza Grande Wines
- Palazzo Vecchio

>> Territorio
- Eventi
Home » News » Poggibonsi: immigrati al voto per la Consulta

Il sindaco Luca Rugi: «Gli stranieri avranno a disposizione un importante strumento di rappresentanza politica»

Cinque liste, sedici candidati, quattro aree geografiche rappresentate: l’Est europeo (ex Unione Sovietica), i Balcani, il Magreb e il centro Africa, in particolare il Senegal. Sono queste le cifre della prima elezione della Consulta per stranieri, in programma domenica 26 ottobre a Poggibonsi.

L’elezione della Consulta per cittadini stranieri extra europei e apolidi arriva proprio mentre è in corso l’acceso dibattito sulla possibilità di concedere il voto agli stranieri che vivono e lavorano in Italia. In attesa di una legge, Poggibonsi gioca d’anticipo e offre a tutti i cittadini stranieri la possibilità di partecipare alla vita pubblica locale con uno strumento di intervento diretto.

«In attesa di capire le intenzioni del Governo e di prendere visione della annunciata proposta di legge – spiega il sindaco Rugi – noi ci siamo mossi con gli strumenti che abbiamo a disposizione. L’importanza di una Consulta per la comunità degli extracomunitari sarà quella di avere una rappresentanza in consiglio comunale. Sia come conoscenza e approfondimento delle istituzioni e delle vicende cittadine della realtà in cui vivono, ma anche e soprattutto per la rappresentanza dei loro bisogni e istanze, che adesso è per interposta persona, mentre dopo avverrà in maniera diretta». La Consulta è un organo comunale elettivo, di cui faranno parte tutti coloro che risulteranno eletti al termine delle votazioni.

La Consulta elegge poi un presidente e un vice presidente, i quali parteciperanno alle sedute consiliari con solo diritto di parola, anche se potranno presentare interrogazioni, mozioni e usare gli strumenti tipici del consigliere comunale, tranne appunto votare.

Per la Consulta possono votare i cittadini di un paese extra Ue o gli apolidi, che siano in possesso di un regolare titolo di soggiorno o in corso di rinnovo, che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età e siano iscritti all’anagrafe, e non siano stati esclusi dal diritto di voto per cause previste dalla legge. Per poter essere eletti occorre avere gli stessi requisiti necessari per votare e non essere membri di organismi analoghi.

Le elezioni si svolgono attraverso la presentazione di liste sottoscritte da almeno dieci persone e si tengono nella sola giornata di domenica 26 ottobre.

Il seggio unico, posto presso la sede del Comune, in piazza Cavour 2, sarà aperto dalle ore 8 alle ore 20.

Inoltre, è in corso la consegna dei certificati elettorali per gli stranieri che hanno diritto a votare. Chi non avesse ricevuto il certificato, può rivolgersi all’ufficio Elettorale del Comune o all’Urp, Ufficio Relazioni con il Pubblico.


DALL'ARCHIVIO
di Infotuscany.com

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 InfoTuscany.com