Palazzo Piccolomini-  link al sito
italiano english Aggiornato a Dicembre 2017
>> Dormire
>> Last minute 16 off.te
- Bed & Breakfast
- Case vacanza
- Agriturismo
- Hotel
- Meublè - Camere

>> Gustare
- Enoteche e bar
- Ristoranti e Osterie
- Cantine

>> Palazzi e musei
- Palazzo Piccolomini

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

>> Escursioni guidate
- Cicloposse
- Bluetangos
- Crete di Siena in Moto

>> Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service
  Il Girasole

- DG autonoleggio

>> Scuole di Lingue
- Il Sasso

>> Agenzie di incoming
- Terre Toscane

>> Acquisti
- Artigianato
- Prodotti Tipici
- Servizi
- Aziende Agricole

>> Benessere
- Terme di Toscana

>> Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Crociani
- Contucci
- Il Greppo
- Piazza Grande Wines
- Palazzo Vecchio

>> Territorio
- Eventi
Home » News » Da Canterbury a Roma attraverso Monteriggioni

L'assessore Giuliano Mariotti: «Abbadia Isola, interessata oggi da lavori di reastauro del complesso monumentale, sarà completamente valorizzata. Pensiamo di realizzare un centro di accoglienza, un centro studi e un piccolo museo della via Francigena»

C'era anche il Comune di Monteriggioni all'inugurazione, avvenuta nei giorni scorsi, del “Km 0” della via Francigena. La cerimonia, celebrata dal decano di Canterbury reverendo Robert Willis, è stata una sorta di “posa della prima pietra” del progetto realizzato nell’ambito del programma comunitario Leader+ che si pone l’obiettivo di valorizzare i due principali Itinerari Culturali Europei, le Vie Francigene e i Cammini di Santiago, attraverso lo sviluppo culturale e la promozione turistica dei territori attraversati dai due Itinerari.
Come spiega l'assessore al Turismo di Monteriggioni, Giuliano Mariotti, presente all'iniziativa. «Siamo certi – dice – che una convergenza di intenti è stata tracciata. E' il primo passaggio di un progetto che deve essere sviluppato da parte degli Stati interessati».
Oltre al Comune di Monteriggioni, alla Regione Toscana, capofila per l'Italia, era presente anche il ministro Francesco Rutelli a sottolineare il valore dell'iniziativa.
«Adesso – continua Mariotti – una commissione individuerà un tracciato preciso che consentirà agli enti locali interessati di installare la segnalatica del percorso attraverso una cartellonistica uguale per tutte le nazioni. Monteriggioni ha già individuato qual è il percorso della via Francigena che attraversa il territorio comunale. Noi abbiamo tratti considerevoli e importanti per rilevanza e qualità della strada che da Canterbury portava i pellegrini di tutta Europa a Roma».

Il progetto Via Francigena

Canterbury è la capitale europea della Via Francigena, storico punto di partenza per quelle migliaia di pellegrini che viaggiavano verso Roma, mentre la Regione Toscana è la capofila del progetto interregionale (vi partecipano Valle D’Aosta, Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Lazio) che mira alla creazione di un prodotto turistico “Via Francigena”. Il progetto  intende valorizzare e rilanciare i percorsi interregionali riferiti alla antica Via, così come individuata dal Consiglio d’Europa a seguito del progetto sostenuto dall’Unione europea nel 1993, mediante un’adeguata promozione dell’offerta turistica collegata. Gli interventi saranno finalizzati principalmente a garantire la visibilità e la fruizione della rete dei luoghi interessati dalla Via Francigena nelle regioni partecipanti. In particolare, saranno oggetto di intervento l’individuazione del tracciato, la segnaletica uniforme del percorso, la costituzione di una rete di punti d’informazione, l’individuazione di un’offerta ricettiva-ristorativa e di servizi al turista, la promozione di eventi, la produzione di materiale promozionale, la formazione di personale addetto all’informazione. E proprio con l’inaugurazione del “Km 0” è stata definita una segnaletica uniforme dell’intero tracciato ed è stato scelto un logo unico e condiviso, che è una elaborazione del simbolo già conosciuto, il pellegrino con la bisaccia.
«Tra le iniziative di Monteriggioni – continua Mariotti –,  la completa valorizzazione di Abbadia Isola al centro dei lavori di reastauto del complesso monumentale. Pensiamo di realizzare un centro di accoglienza, un centro studi e un piccolo museo della via Francigena. Contiamo di far coincidere il termine dei lavori di ripristino del Complesso con l'apertura completa della Via Francigena tra Canterbury e Roma».


DALL'ARCHIVIO
di Infotuscany.com

 

<< back


 


Copyright 2002-2017 InfoTuscany.com